undrgrnd Cliquez ici Bests nav-sa-clothing-shoes nav-sa-clothing-shoes Cloud Drive Photos cliquez_ici Soldes Cliquez ici Acheter Fire Achetez Kindle Paperwhite cliquez_ici Jeux Vidéo Montres soldes Bijoux Soldes
Commencez à lire Il capitale umano (Italian Edition) sur votre Kindle dans moins d'une minute. Vous n'avez pas encore de Kindle ? Achetez-le ici Ou commencez à lire dès maintenant avec l'une de nos applications de lecture Kindle gratuites.

Envoyer sur votre Kindle ou un autre appareil

 
 
 

Essai gratuit

Découvrez gratuitement un extrait de ce titre

Envoyer sur votre Kindle ou un autre appareil

Désolé, cet article n'est pas disponible en
Image non disponible pour la
couleur :
Image non disponible
 

Il capitale umano (Italian Edition) [Format Kindle]

Stephen Amidon , Marta Matteini

Prix Kindle : EUR 6,99 TTC & envoi gratuit via réseau sans fil par Amazon Whispernet
Le prix Kindle a été fixé par l'éditeur

App de lecture Kindle gratuite Tout le monde peut lire les livres Kindle, même sans un appareil Kindle, grâce à l'appli Kindle GRATUITE pour les smartphones, les tablettes et les ordinateurs.

Pour obtenir l'appli gratuite, saisissez votre adresse e-mail ou numéro de téléphone mobile.

Formats

Prix Amazon Neuf à partir de Occasion à partir de
Format Kindle EUR 6,99  
Relié --  
-40%, -50%, -60%, -70%... Découvrez les Soldes Amazon jusqu'au 16 février 2016 inclus. Profitez-en !





Les clients ayant acheté cet article ont également acheté

Cette fonction d'achat continuera à charger les articles. Pour naviguer hors de ce carrousel, veuillez utiliser votre touche de raccourci d'en-tête pour naviguer vers l'en-tête précédente ou suivante.

Descriptions du produit

Présentation de l'éditeur

Drew Hagel ha trascorso gli ultimi dieci anni guardando la vita sgusciargli fra le dita: un primo matrimonio fallito, la sua attività di immobiliarista che non è mai decollata, la figlia Shannon con cui non è mai riuscito a costruire un rapporto. Finché sopravviene, inaspettata, l'amicizia di un potente finanziere, Quint Manning, che gli offre la possibilità del riscatto. Ma anche Manning ha dei problemi: una moglie delusa, un figlio alcolizzato e un'imminente bancarotta. Quando un terribile incidente lega definitivamente il destino delle due famiglie, e i loro figli vengono indagati per omicidio, Drew decide di approfittarne e di andare all'attacco. Ma non si può investire sul "capitale umano" come si investe su un capitale finanziario...

Détails sur le produit

  • Format : Format Kindle
  • Taille du fichier : 955 KB
  • Nombre de pages de l'édition imprimée : 415 pages
  • Editeur : MONDADORI (21 janvier 2014)
  • Vendu par : Amazon Media EU S.à r.l.
  • Langue : Italien
  • ASIN: B00I1ABM6W
  • Word Wise: Non activé
  • Composition améliorée: Non activé
  • Classement des meilleures ventes d'Amazon: n°227.672 dans la Boutique Kindle (Voir le Top 100 dans la Boutique Kindle)

En savoir plus sur l'auteur

Découvrez des livres, informez-vous sur les écrivains, lisez des blogs d'auteurs et bien plus encore.

Commentaires en ligne

Il n'y a pas encore de commentaires clients sur Amazon.fr
5 étoiles
4 étoiles
3 étoiles
2 étoiles
1 étoiles
Commentaires client les plus utiles sur Amazon.com (beta)
Amazon.com: 4.5 étoiles sur 5  2 commentaires
4.0 étoiles sur 5 Il capitale umano ovvero il valore della vita 29 mai 2014
Par Renato Corpaci - Publié sur Amazon.com
Format:Format Kindle
Questa Bella storia di adolescenti non ancora corrotti dalla nebbia sulfurea dell'avidità e dell'ambizione è calata originariamente dal suo autore a Totten Crossing, una località immaginaria del Connecticut; una landa verdeggiante e boschiva abbastanza prossima all'isola di Manhattan da permettere ai più fortunati degli gnomi che si agitano nelle viscere della grande mela di stabilirvi la propria residenza e da lì di pendolare quotidianamente al lavoro.

L'azione ha corso nella primavera del 2001 e si conclude poco dopo quel fatidico 11 settembre.

I personaggi che animano l'azione sono pertanto persone che difficilmente si trovano in un romanzo di contesto dopo tutto famigliare: agenti immobiliari, finanzieri, squali di qualche fatta o grigi manager bancari, le loro famiglie, più tutti i meno fortunati che si danno da fare intorno a questi per rendere loro la vita accettabile.

I soggetti di cui si parla si collocano su due differenti fasce anagrafiche: da una parte ci sono gli adulti con le loro paranoie sociali e, dall'altra, gli adolescenti che abitano le case degli adulti, frequentano le costose scuole che pagano i genitori, bevono i loro liquori e guidano le loro automobili.

Tutto il romanzo verte sull'assunzione di responsabilità: chi ha causato un danno deve assumersene l'onere e fare del suo meglio per risarcire il danneggiato. “Human capital” significa proprio questo: il valore monetario che le agenzie di assicurazione, alla fine di complessi calcoli analitici, assegnano alla vita umana in funzione del risarcimento dovuto alla vittima di un sinistro. Tra le righe l'autore si domanda a che punto di questa scala di valori si colloca la società odierna. Si sarebbe tentati di pensare che, nel contesto economico contemporaneo in cui tutto tende ad andare in vacca, raggiungere il successo sia spesso più importante dei mezzi che si sono utilizzati per ottenerlo. Alla fine del romanzo però si guadagnerà l'impressione che la comunità sia stata assolta dall'autore e che salve non siano solo le apparenze ma gran parte della sostanza.

Stephen Amidon riesce a creare un'impressione di complessità intorno ad una trama in sostanza piuttosto semplice.

Jamie e Shannon appartengono a famiglie che si collocano su gradini diversi della scala sociale, sebbene entrambi appartenenti alla classe media. Gli adolescenti, che frequentano lo stesso costoso liceo privato hanno avuto una relazione conclusasi quando Shannon si è innamorata di Ian, un orfano incontrato casualmente nella sala d'aspetto della propria matrigna che è anche la psicoterapeuta del ragazzo.

Ian vive con lo zio David che lo ha preso sotto la sua protezione quando la sorella, madre del ragazzo, si è arresa al cancro. David fa l'autista di limousine per un servizio di noleggio. Ian è in libertà vigilata a causa di una condanna per possesso di stupefacenti alla quale lo zio non è totalmente estraneo. Il ragazzo si è sempre rifiutato di fare il nome della persona che gli forniva la droga: suo zio, appunto. I due sono legati a doppio filo. Per quanto duri da due mesi, i ragazzi sono riusciti a mantenere tutti all'oscuro della loro relazione.

Jamie, già scosso dalla recente separazione da Shannon, arranca per stare al passo delle esigenti aspettative di Quint, ex ragazzo prodigio e suo scomodo genitore. Il giovane affoga il dolore delle sue frustrazioni in devastanti sbronze. Le sue plateali manifestazioni di ubriachezza finiscono coll'esasperare persino la maggior parte dei suoi compagni di scuola, per non parlare dei genitori le cui case il ragazzo inonda del proprio vomito. Di questo i genitori, Catie e Quint, sono giustamente preoccupati.

Quint gestisce un fondo d'investimento altamente speculativo e ad alto rischio. Drew, il padre di Shannon fa l'agente immobiliare nell'agenzia locale ereditata dal padre, ora minacciata da operatori esterni meglio organizzati e finanziariamente più solidi. Attirato dalla prospettiva di un facile e cospicuo ritorno sull'investimento, Drew riesce a convincere Quint ad accettare una modesta ma determinante somma di denaro per partecipare al fondo. La situazione economica però vira subito al peggio e travalica le capacità di previsione dei complicati algoritmi di Quint. Il fondo rischia il tracollo e Drew rischia la bancarotta.

In questo contesto si colloca la vicenda trattata dal romanzo di Amidon.

Una sera Jamie si sbronza malamente durante una festa a casa di Madison McNabb. Non riuscendo a mettersi in contatto con la madre per far venire a raccogliere il ragazzo, Madison si mette in contatto con Shannon, che ha detto a casa di essere alla festa ma in realtà è andata a passare la notte da Ian. Shannon, insieme a Ian a quel punto, si attiva per andare a recuperare Jamie a casa McNabb, ma resta il problema di riportare anche la Wrangler di Jamie a casa, per evitare che il padre, notandone l'assenza, vada su tutte le furie.

I compagni di Jamie si rifiutano di collaborare. Ian non potrebbe guidare a causa della libertà vigilata ma, in un momento di distrazione di Shannon, all'insaputa di Jamie e di chiunque altro alla festa, lo fa lo stesso. A questo punto accade l'inimmaginabile. Quando la Wrangler sfiora un ciclista in allenamento a quell'ora insolita, nella caduta l'uomo rimedia una commozione cerebrale.
Immediatamente Ian diventa un conducente che ha omesso di soccorrere la persona che ha urtato. Inizia la caccia al pirata della strada. I sospetti della polizia si concentrano su Jamie che tutti, anche la sua famiglia, credono colpevole mentre il ragazzo si ostina a negare e la testimonianza della ragazza, inspiegabilmente per i genitori, lo scagiona strenuamente. L'indagine che coinvolge tutti i compagni di scuola di Jamie e Shannon e le loro famiglie provoca un vero terremoto nella comunità.

«Lasci che le dica una cosa – a un certo punto dice il detective a Drew – questo lavoro sarebbe un sacco più facile se non dovessi avere a che fare con degli adolescenti.»

Per quanto il romanzo canti le gesta di personaggi veramente poco eroici, animati dai desideri, frustrazioni, aspirazioni, travagli di persone meno che straordinarie, è ben scritto, la storia acchiappa e alla fine dimostra di avere un suo senso finito.

Nelle righe che seguono, Quint, il padre di Jamie, fa il punto della situazione con la moglie Carrie. Hollis Hardy è un avvocato senza scrupoli che la famiglia ha assunto per la difesa del figlio.

«Voglio dire – è questo che intendiamo fare adesso? Farla franca? Un tipo viene ucciso e noi...»
«Lo so »
E lo fece. La vergogna che lei sentiva si sarebbe moltiplicata all'infinito in Quint. Tutta la sua vita era stata spesa alla ricerca di solidità e rettitudine. E ora lui stava pagando Hollis Hardy cinquecento dollari l'ora.
[…]
«Proprio non so come comportarmi con Jamie. Una parte di me vorrebbe prenderlo per il collo fino a che non dica la verità. L'altra parte vorrebbe proteggerlo.»
«Sì, be', mettiti in fila.»
«Dovrà dire la verità, Carrie. Diventerà sempre peggio. Qualcosa deve cambiare. E anche dovesse farla franca, cristo, cosa ne sarà di lui?»

Questa non è una conversazione tra personaggi di dubbia moralità. Alla fine de Il capitale umano, infatti, le persone più corrette che, nonostante il travaglio, si attengono alle regole del vivere civile ne escono rigenerate e più robuste, anche se le ragioni del loro recupero non sono sempre confessabili. Mentre quelle più inclini a trovare compromessi con la propria coscienza continuano a dibattersi all'infinito nella melma della propria insignificante mediocrità.

Se i forti ce la fanno, inutile dire che sono i più deboli a vedersela peggio ma, andiamo, non c'è da stupirsi, questa è la vita, dopo tutto.

(Renato Corpaci è nato a Milano. Dal 1999 al 2009 ha coordinato in sito letterario che ha contribuito a fondare. I suoi libri, “Articoli deperibili” e “Villa dello strozzino”, in cartaceo e in ebook, sono disponibili su Amazon. Tiene un blog letterario a proprio nome.)
5.0 étoiles sur 5 Molto interessante! 2 mars 2014
Par FBU - Publié sur Amazon.com
Format:Format Kindle|Achat vérifié
Molti spunti di riflessione. Un romanzo ben scritto, pungente e profondo. Molto introspettivo, ma per nulla lento. Da leggere assolutamente!
Ces commentaires ont-ils été utiles ?   Dites-le-nous

Discussions entre clients

Le forum concernant ce produit
Discussion Réponses Message le plus récent
Pas de discussions pour l'instant

Posez des questions, partagez votre opinion, gagnez en compréhension
Démarrer une nouvelle discussion
Thème:
Première publication:
Aller s'identifier
 

Rechercher parmi les discussions des clients
Rechercher dans toutes les discussions Amazon
   


Rechercher des articles similaires par rubrique